IL VANGELO SECONDO LO SPIRITISMO

Allan Kardec

Torna al menu
5. Prefazione — Essere riuniti nel nome di Gesù non vuol dire che è sufficiente stare insieme fisicamente, ma che bisogna esserlo anche spiritualmente, in comunione d'intenti e di pensiero tesi al bene. Allora sì che Gesù si trova in mezzo all'assemblea: Lui o i puri Spiriti che lo rappresentano. Ed è lo Spiritismo che ci fa comprendere come gli Spiriti possono essere fra noi. Essi sono presenti con il loro corpo fluidico o spirituale e con lo stesso aspetto che ci permetterebbe di riconoscerli nel caso si rendessero visibili. Più sono elevati nella gerarchia, maggiore è il loro potere di irraggiamento. È per questo che essi hanno il dono dell'ubiquità e possono trovarsi in molti luoghi simultaneamente, bastando a ciò un solo raggio del loro pensiero.

Con queste parole Gesù ha voluto mostrare l'effetto dell'unione e della fraternità. Non è il numero più o meno grande ad attrarLo perché invece di due o tre persone Egli avrebbe potuto dire dieci o venti. Ad attrarLo è il sentimento di carità che anima le une verso le altre. Quindi, per questo, basta che ce ne siano due. Ma, se queste due persone pregano ognuna per proprio conto, pur rivolgendosi a Gesù; se non c'è fra loro comunione di pensiero; se non sono mosse da un sentimento di mutua benevolenza; se addirittura si guardano in modo ostile, con odio, invidia e gelosia; se le correnti fluidiche dei loro pensieri si respingono, anziché attrarsi in un comune slancio di simpatia, allora esse non sono per niente riunite in nome di Gesù. Gesù è solo il pretesto della riunione e non il vero movente (vedere cap. XXVII, n. 9 di quest'opera).

Ciò non implica assolutamente che Gesù sia sordo alla voce di una sola persona. Se Egli non ha affatto detto: «Andrò da chiunque mi chiami», è perché Egli esige prima di tutto l'amore del prossimo, che si può dimostrare meglio quando si è in tanti, piuttosto che isolatamente, e che esclude ogni sentimento di carattere personale. Ne consegue che se, in un'assemblea numerosa, solamente due o tre persone sono unite nel cuore da un sentimento veramente caritatevole, mentre le altre si isolano e si concentrano in pensieri egoistici e mondani, Egli sarà con le prime due o tre e non con le altre. Non è dunque nella simultaneità delle parole, dei canti o degli atti esteriori che consiste la riunione in nome di Gesù, ma nella comunione di pensieri secondo lo spirito di carità personificato da Gesù (vedere cap. X, nn. 7 e 8; cap. XXVII, nn. 2, 3, 4 di quest'opera).

Tale deve essere il carattere delle riunioni spiritiste serie, di quelle in cui si vuole sinceramente il concorso dei buoni Spiriti.