IL VANGELO SECONDO LO SPIRITISMO

Allan Kardec

Torna al menu
La vendetta

9. La vendetta è uno degli ultimi relitti lasciatoci dai costumi barbari che tendono a sparire fra gli uomini. Essa è, con il duello, una delle ultime vestigia di quegli usi barbari sotto i quali si dibatteva l'umanità agli albori dell'era cristiana. È per questo che la vendetta è un indizio certo dello stato arretrato degli uomini, che se ne vanno liberando, e degli Spiriti che possono ancora ispirarla. Dunque, amici miei, questo sentimento non deve mai far vibrare l'animo di chiunque si dica e si affermi spiritista. Vendicarsi, lo sapete, è talmente contrario a questa prescrizione di Cristo: “Perdonate i vostri nemici!» che chi si rifiuta di perdonare, non solo non è Spiritista, ma non è nemmeno Cristiano. La vendetta è un'ispirazione così più funesta che la falsità e la bassezza sono sue compagne inseparabili. In effetti, chi si abbandona a questa fatale e cieca passione non si vendica quasi mai apertamente. Quando è il più forte, aggredisce come un animale selvatico colui che chiama suo nemico, accecato dalla passione, dalla collera e dall'odio. Ma più frequentemente assume un atteggiamento ipocrita, dissimulando nel profondo del suo cuore i cattivi sentimenti che lo animano. Prende vie traverse, segue nell'ombra il suo nemico, il quale nulla sospetta, e attende il momento propizio per colpirlo senza venirne danneggiato. Si nasconde alla sua vista spiandolo continuamente, gli tende degli odiosi tranelli e, all'occasione, mette del veleno nel suo bicchiere. Quando il suo odio non giunge a queste estreme conseguenze, lo attacca nella sua onorabilità e nei suoi affetti. Non indietreggia davanti alla calunnia, e le sue perfide insinuazioni, abilmente sparse ai quattro venti, vanno gonfiandosi cammin facendo. Così, quando il perseguitato si presenta negli ambienti dove è passato il soffio velenoso del suo calunniatore, si meraviglia di incontrare visi freddi che prima conosceva amichevoli e benevoli. Si stupisce quando mani, che una volta cercavano la sua, si rifiutano di stringergliela. Infine è annientato quando i suoi amici più cari e vicini si girano e lo sfuggono. Ah! Il vile che si vendica così è cento volte più colpevole di chi affronta direttamente il nemico e lo insulta a viso aperto.

Via dunque questi barbari costumi! Via questi usi di altri tempi! Qualsiasi Spiritista che pretendesse di avere ancora oggi il diritto di vendicarsi sarebbe indegno di continuare a far parte della falange che ha assunto il motto: ,Fuori dalla carità, nessuna salvezza!» Ma no, non saprei arrendermi all'idea che un membro della grande famiglia spiritista possa mai cedere in futuro all'impulso della vendetta anziché a quello del perdono.

(Jules Olivier, Parigi, 1862)